Timori per la crescita, BCE, richieste di lavoro, colpo alle Olimpiadi – Cosa sta muovendo i mercati

La Banca Centrale Europea (BCE) svela la sua nuova strategia di politica monetaria, ma potrebbe ancora avere difficoltà a convincere i mercati che può realizzare. Si prevede che le richieste settimanali di lavoro diminuiranno al nuovo minimo post-pandemia. I futures su azioni crollano mentre gli investitori fanno scommesse su crescita e inflazione in risposta ai verbali dell’ultimo incontro della Federal Reserve, e i Giochi Olimpici si svolgeranno senza spettatori a causa dell’aumento dei casi di Covid-19. Sono dovuti anche i dati sull’inventario petrolifero degli Stati Uniti. Ecco cosa devi sapere sui mercati finanziari mercoledì 8 luglio.

La grande rivelazione della BCE

La Banca centrale europea svelerà la sua nuova strategia di politica monetaria dopo oltre un anno di grattacapo, con l’obiettivo di convincere i mercati che si può ancora garantire la stabilità dei prezzi.

Le fughe di notizie anticipate suggeriscono che la banca cambierà il suo obiettivo di inflazione a un 2% più esplicito, rimuovendo la distorsione asimmetrica implicita nel suo attuale mantra di “vicino, ma inferiore, al 2% nel medio termine”. Gli analisti dicono che gli darà più margine di manovra per consentire il temporaneo sorpasso del suo obiettivo, simile alla tolleranza ormai esplicita della Fed al sorpasso temporaneo.

Un’altra questione è se la BCE sia in grado di generare un’inflazione del 2% in un’unione monetaria ancora zoppicando dalla mancanza di soluzioni permanenti a una crescita cronica bassa, ai rischi di fallimento nazionali e a un sistema bancario indebolito.

A parte questo, la banca manterrà invariata la sua attuale posizione politica, anche se i commenti della presidente Christine Lagarde durante la sua conferenza stampa saranno analizzati come al solito per le modifiche alle prospettive.

Senza lavoro presto si raggiungeranno nuovi minimi.

Si prevede che le richieste iniziali di lavoro negli Stati Uniti siano scesi a un nuovo minimo post-pandemia di 350.000, dai 364.000 della scorsa settimana.

Il rilascio è previsto per le 8:30 ORA ITALIANA. Arrivano il giorno dopo che l’indagine mensile sulle offerte di lavoro del Dipartimento del Lavoro per maggio ha mostrato che i licenziamenti avevano già raggiunto il minimo storico mentre un settore dei servizi appena riaperto si arrampicava per i lavoratori.

I numeri dei sinistri saranno sostanzialmente più aggiornati rispetto all’indagine JOLTs, ma potrebbero ancora avere difficoltà a rafforzare la fiducia in una ripresa che sembra appiattirsi, non da ultimo a causa del rallentamento delle vaccinazioni che ha lasciato gli Stati del Midwest particolarmente vulnerabili al ceppo delta a rapida diffusione del Covid-19.

La Banca centrale europea svela la sua nuova strategia di politica monetaria

I mercati azionari e i rendimenti obbligazionari statunitensi sono in apertura in netto calo, poiché gli investitori fanno le precedenti scommesse su una crescita forte e un’inflazione relativamente elevata che continua nel medio termine.

Il rendimento della nota a 10 anni statunitense è crollato all’1,26%, il minimo da febbraio, mentre il dollaro si è rafforzato ai minimi da tre mesi con il rafforzamento dell’offerta globale di rifugio sicuro. Il dollaro si è rafforzato dopo che i verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve hanno rafforzato le aspettative che potrebbe iniziare a ridurre i suoi acquisti di attività entro la fine dell’anno.

Entro le 06:15 ET, Futures Dow Jones sono 541 punti, pari all’1,6%, mentre Futures S&P 500  sono in calo dell’1,6% e Nasdaq 100 Futures sono 1,5%, con l’ultimo attacco antitrust contro alphabet (NASDAQ) proprietario di Google che pesava sui giganti della tecnologia. La notizia di un ordine esecutivo in preparazione per rompere il potere di mercato delle principali compagnie ferroviarie potrebbe colpire anche quelle azioni più avanti nella sessione.

La pandemia colpisce di nuovo – alle Olimpiadi

I ritardati Giochi Olimpici Estivi 2020 si svolgeranno senza spettatori, dopo che la prefettura di Tokyo ha dichiarato lo stato di emergenza a causa dei crescenti casi di Covid-19.

La decisione era stata ampiamente attesa, poiché le nuove infezioni nella prefettura di Tokyo sono in aumento da quasi un mese e hanno toccato il livello più alto da metà maggio. Finora il Giappone è stato lento a vaccinare la sua popolazione, con appena un quarto della popolazione che ha ricevuto anche un jab.

La decisione rappresenta ancora una battuta d’arresto per la fiducia che il mondo ha la pandemia sotto controllo. Gran parte del mondo in via di sviluppo che, come il Giappone, ha bassi tassi di vaccinazione, sta affrontando un’impennata ancora più marcata dei numeri dei casi: l’Indonesia, il paese musulmano più popoloso del mondo, nuove infezioni e decessi si sono moltiplicati di circa sette volte in meno di un mese.

I dati della Johns Hopkins suggeriscono che il bilancio globale delle vittime del virus ha superato i 4 milioni questa settimana anche se, dati i problemi strutturali di segnalazione nei paesi a basso reddito, è probabile che questa pietra miliare sia stata superata molto tempo fa.

Il petrolio cade nonostante un’altra grande estrazione di inventario

I prezzi del greggio sono crollati a causa dei problemi di crescita globale, nonostante la prospettiva di un mercato fisico più stretto nel breve termine a causa di disaccordi sulla politica della produzione all’OPEC.

Greggio usa: i futures sono scesi di oltre l’1% durante la sessione notturna, ma hanno chiuso i loro guadagni in calo solo dello 0,9% a $ 71,58 al barile alle 6:15 ET. Brent i futures sono scesi dello 0,7% a 72,95 dollari al barile.

Il governo degli Stati Uniti rilascia i numeri di inventario ufficiali alle 10:30 ET, un giorno dopo il solito a causa della vacanza dell’Independence Day. I numeri dell’American Petroleum Institute pubblicati martedì hanno mostrato ancora una volta un pareggio sui titoli grezzi maggiore del previsto, a quasi 8 milioni di barili. Sono diminuiti di 32 milioni di barili nelle ultime quattro settimane grazie alla continua ripresa della mobilità negli Stati Uniti.

di Geoffrey Smith

Marica Noviello

Altri articoli

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre.
Il Brent è sceso di quasi il 4% a meno di 80 dollari al barile venerdì, quando una nuova variante del COVID-19 ha spaventato gli investitori, aggiungendo alle preoccupazioni che un surplus di offerta globale potrebbe aumentare nel primo trimestre a seguito del rilascio delle riserve di greggio da parte degli Stati Uniti Stati e altri.

Commenti

0 commenti