calano le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali negli stati uniti; i licenziamenti aumentano a settembre

Posted by Marica Noviello
On 7 Ottobre 2021
In News

Il numero di americani che hanno presentato nuove richieste di sussidio di disoccupazione è diminuito la scorsa settimana, ma i licenziamenti sono aumentati da un minimo di 24 anni a settembre, in parte perché gli ospedali hanno licenziato personale non vaccinato e la mancanza di lavoratori ha costretto alla chiusura delle strutture.

Le richieste iniziali per le indennità statali di disoccupazione sono diminuite di 38.000 a 326.000 destagionalizzate per la settimana terminata il 2 ottobre, ha detto giovedì il dipartimento del lavoro.

Lontano dalla California, ci sono stati aumenti delle richieste relative al fermo degli impianti di assemblaggio in alcuni stati da parte di alcune case automobilistiche mentre cercano di gestire la loro fornitura di semiconduttori in mezzo a una carenza globale.

Una ripresa delle infezioni da covid-19, guidata dalla variante delta, ha anche interrotto l’attività nel settore dei servizi ad alto contatto.

Ciò ha suggerito una certa moderazione nelle condizioni del mercato del lavoro.

Un rapporto separato di giovedì della società di outplacement globale challenger, gray & christmas ha mostrato che i tagli di posti di lavoro annunciati dai datori di lavoro con sede negli stati uniti sono aumentati del 14% a 17.895 a settembre.

Tuttavia, i licenziamenti sono diminuiti dell’85% rispetto a settembre 2020.

Nel terzo trimestre, i datori di lavoro hanno annunciato 52.560 tagli di posti di lavoro, il numero più basso dal secondo trimestre del 1997 e in calo del 23% rispetto al periodo luglio-settembre.

I licenziamenti il ​​mese scorso sono stati guidati da aziende del settore sanitario/prodotti, con 2.673 tagli annunciati.

Da quando il vaccino Pfizer ha ricevuto l’approvazione completa della Fda, molte strutture sanitarie hanno implementato mandati di vaccinazione.

“L’assistenza sanitaria sta affrontando un’enorme carenza di talenti”, ha affermato

Andrew Challenger, vicepresidente senior di Challenger, gray & christmas.

“Altri sistemi stanno affrontando scioperi o licenziamenti di personale non vaccinato, ampliando ulteriormente la carenza di lavoratori. in alcuni casi, la mancanza di personale porta alla chiusura di intere unità causando la perdita involontaria del lavoro”.

Le continue tensioni nella catena di approvvigionamento stanno danneggiando il mercato del lavoro. I produttori di beni industriali hanno annunciato 2.328 licenziamenti a settembre, mentre le imprese di immagazzinamento hanno pianificato 1.936 tagli di posti di lavoro.

Nel settore dei servizi sono stati annunciati 1.679 tagli di posti di lavoro.

Ma l’aumento dei licenziamenti è stato sminuito da un’esplosione nelle assunzioni pianificate, in parte mentre i rivenditori si preparano per le festività natalizie.

Il rapporto Challenger ha mostrato che le aziende hanno annunciato piani per assumere 939.790 lavoratori rispetto ai soli 94.004 di agosto.

Ciò è di buon auspicio per il rapporto sull’occupazione di settembre previsto per venerdì.

Il tasso di disoccupazione è previsto in calo al 5,1% dal 5,2% di agosto. Ma gli indicatori del mercato del lavoro sono stati contrastanti a settembre. Un sondaggio del conference board la scorsa settimana ha mostrato che le opinioni dei consumatori sulle attuali condizioni del mercato del lavoro si sono attenuate.

La pandemia ha costretto alcune persone a lasciare il lavoro per diventare caregiver.

Altri sono riluttanti a tornare per paura di contrarre il coronavirus, mentre alcuni si sono ritirati o sono alla ricerca di cambiamenti di carriera.

Gli economisti sono cautamente ottimisti sul fatto che la carenza di manodopera comincerà ad attenuarsi in autunno e durante l’inverno, dopo la scadenza del mese scorso dei sussidi di disoccupazione ampliati.

Terranno anche d’occhio i mandati dei vaccini tra i rapporti secondo cui migliaia di lavoratori potrebbero essere licenziati per essersi rifiutati di farsi vaccinare. Il mese scorso il presidente Joe Biden ha annunciato nuove regole che richiedono la vaccinazione in molti luoghi di lavoro privati.

“Il mandato sta funzionando”, ha affermato Chris Low, capo economista di fhn financial a New York. “il tasso di vaccinazione è accelerato nelle ultime settimane. Se un tasso di vaccinazione più elevato manterrà più bassi i tassi di infezione da covid in futuro e la partecipazione aumenterà di conseguenza, l’anno prossimo potrebbe essere possibile una crescita occupazionale più rapida”.

 

Marica Noviello

Altri articoli

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre.
Il Brent è sceso di quasi il 4% a meno di 80 dollari al barile venerdì, quando una nuova variante del COVID-19 ha spaventato gli investitori, aggiungendo alle preoccupazioni che un surplus di offerta globale potrebbe aumentare nel primo trimestre a seguito del rilascio delle riserve di greggio da parte degli Stati Uniti Stati e altri.

Commenti

0 commenti