la “catastrofica” fuoriuscita di petrolio in California uccide i pesci e danneggia le zone umide

Posted by Marica Noviello
On 4 Ottobre 2021
In News

Una grande fuoriuscita di petrolio al largo della costa meridionale della California ha causato la morte di pesci, uccelli impantanati nel petrolio e zone umide contaminate, in quella che i funzionari locali hanno definito una catastrofe ambientale.

La US Coast Guard, a capo di una risposta di pulizia che coinvolge agenzie federali, statali e cittadine, domenica ha annunciato un’indagine 24 ore su 24 su come si è verificata la fuoriuscita.

Si stima che circa 126.000 galloni, o 3.000 barili, si siano diffusi in una marea nera che copre circa 13 miglia quadrate dell’Oceano Pacifico da quando è stata segnalata per la prima volta sabato mattina, ha detto Kim Carr, sindaco di Huntington Beach, in una conferenza stampa.

Ha definito la fuoriuscita una “catastrofe ambientale” e un “potenziale disastro ecologico”.

Carr ha aggiunto: “Le nostre zone umide vengono degradate e porzioni della nostra costa sono ora coperte di petrolio”.

La fuoriuscita è stata causata da una breccia collegata alla piattaforma petrolifera Elly e si estendeva dal molo di Huntington Beach fino a Newport Beach, una zona popolare tra i surfisti e gli amanti della tintarella.

Il Dipartimento della pesca e della fauna selvatica della California ha ordinato la chiusura della pesca per le aree costiere colpite dalla fuoriuscita.

La chiusura si estenderà da Huntington Beach a Dana Point per le aree costiere e si estenderà fino a sei miglia al largo dei punti costieri per l’area offshore, ha affermato il dipartimento.

Carr, nelle sue osservazioni, ha aggiunto: “Nei prossimi giorni e settimane sfidiamo le parti responsabili a fare tutto il possibile per rettificare questa catastrofe ambientale”.

Martyn Willsher, CEO di Amplify Energy, ha dichiarato in una conferenza stampa a Long Beach che l’oleodotto è stato chiuso e il petrolio rimasto è stato aspirato. Ha detto che i sommozzatori stavano ancora cercando di determinare dove e perché si fosse verificata la fuoriuscita.

La rappresentante degli Stati Uniti Michelle Steel, una repubblicana che rappresenta parte dell’area colpita, ha inviato una lettera al presidente democratico Joe Biden chiedendo una dichiarazione di grave disastro per la contea di Orange, che libererebbe fondi federali per aiutare con gli sforzi di pulizia.

Steel in seguito ha dichiarato alla CNN: “Questo è un disastro davvero grave”.

Cottie Petrie-Norris, un membro dell’assemblea statale democratica che rappresenta alcune aree colpite dalla fuoriuscita, ha affermato di avere “grandi preoccupazioni” sull’entità del danno all’ambiente, alle comunità e all’economia locale.

Jacqueline Savitz, chief policy officer di Oceana, ha dichiarato in una nota: “Questa è solo l’ultima tragedia dell’industria petrolifera. È ormai tempo di prevenire future fuoriuscite di petrolio proteggendo permanentemente le nostre coste dalle trivellazioni offshore”.

La fuoriuscita è avvenuta in acque federali. I funzionari hanno affermato che le agenzie federali, statali e cittadine sono state coinvolte in una risposta guidata dalla Guardia costiera degli Stati Uniti.

Domenica, il supervisore della contea di Orange Katrina Foley ha affermato che il petrolio si è infiltrato nella Talbert Marsh, una grande riserva ecologica, causando “danni significativi”.

Le spiagge sono state chiuse al nuoto e uno spettacolo aereo locale è stato cancellato, anche se alcune persone non si sono scoraggiate dall’installare sedie sulla spiaggia per godersi una domenica di sole o passeggiare lungo il molo.

Carr ha affermato che i funzionari hanno dispiegato 2.050 piedi (625 metri) di bracci protettivi, che aiutano a contenere e rallentare i flussi di petrolio.

La Guardia costiera degli Stati Uniti, in collaborazione con agenzie locali e statali, ha pilotato aerei e dispiegato barche per valutare la fuoriuscita e ha assunto appaltatori per ripulirla. Circa 3.150 galloni di petrolio sono stati recuperati dall’acqua, ha detto la Guardia Costiera.

I funzionari hanno detto che stavano indagando sulla causa della fuoriuscita e sul tipo di petrolio coinvolto.

Marica Noviello

Altri articoli

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre.
Il Brent è sceso di quasi il 4% a meno di 80 dollari al barile venerdì, quando una nuova variante del COVID-19 ha spaventato gli investitori, aggiungendo alle preoccupazioni che un surplus di offerta globale potrebbe aumentare nel primo trimestre a seguito del rilascio delle riserve di greggio da parte degli Stati Uniti Stati e altri.

Commenti

0 commenti