Le 5 cose migliori da guardare nei mercati nella prossima settimana

La stagione degli utili del terzo trimestre prende il via questa settimana con JPMorgan Chase e altre grandi banche che riferiscono. I dati sull’inflazione negli Stati Uniti saranno tenuti d’occhio mentre la Federal Reserve pubblicherà i verbali della riunione politica di settembre, durante la quale i funzionari hanno affermato che avrebbero iniziato a ridurre gli stimoli entro la fine di quest’anno. Il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale inizieranno il loro incontro annuale lunedì, ma una controversia sul capo del FMI Kristalina Georgieva ha già messo in ombra i procedimenti. Nel Regno Unito, la pubblicazione dei dati concentrerà l’attenzione sulla salute dell’economia tra le crescenti aspettative di aumenti dei tassi man mano che aumentano le pressioni inflazionistiche. Ecco cosa devi sapere per iniziare la tua settimana.

  1. guadagni bancari

Alcune delle più grandi banche del mondo danno il via agli utili statunitensi, con investitori concentrati sui problemi della catena di approvvigionamento globale, sulla carenza di manodopera e sull’imminente riduzione dello stimolo mensile da 120 miliardi di dollari della Fed.

Le banche hanno infranto le stime degli utili nel secondo trimestre con il rimbalzo dell’economia, con Wells Fargo, Bank of America, Citigroup e JPMorgan Chase che hanno registrato un totale di $ 33 miliardi di profitti.

Questo slancio probabilmente è rallentato nel terzo trimestre; si prevede che gli utili per i finanziari aumenteranno del 17,4%, rispetto a quasi il 160% nel secondo trimestre, secondo i dati I/B/E/S di Refinitiv.

“Penso che sarà una stagione di guadagni rischiosa”, ha avvertito Liz Young, capo della strategia di investimento presso SoFi a New York. “Se i problemi della catena di approvvigionamento stanno facendo aumentare i costi, un’azienda con un forte potere di determinazione dei prezzi può passare attraverso questi costi crescenti. Ma non puoi passare attraverso una carenza di manodopera se non riesci a trovare lavoratori da assumere”.

  1. dati USA

Il rapporto economico chiave degli Stati Uniti da tenere d’occhio questa settimana sono i dati di mercoledì sull’inflazione dei prezzi al consumo per settembre. Mentre il tasso di aumento dei prezzi ha moderato l’inflazione, l’inflazione è ancora superiore a quella pre-pandemia con l’aumento della domanda dopo la riapertura dell’economia che ha fatto salire i prezzi.

Gli economisti si aspettano che l’indice dei prezzi al consumo corrisponda all’aumento mensile dello 0,3% di agosto e al guadagno annuale del 5,3% .

I dati sull’inflazione dei prezzi alla produzione sono previsti giovedì, seguiti dai dati sulle vendite al dettaglio venerdì. Si prevede che le vendite al dettaglio diminuiranno a causa di un crollo delle vendite di veicoli in mezzo ai colli di bottiglia della catena di approvvigionamento, ma escludendo i veicoli, si prevede che le vendite al dettaglio aumenteranno.

  1. minuti nutriti

La Fed pubblicherà mercoledì i verbali della riunione di settembre tra le aspettative che inizierà a ridurre gli acquisti di asset entro la fine di quest’anno, un primo passo importante verso eventuali aumenti dei tassi.

Il rapporto sull’occupazione di settembre più debole del previsto di venerdì ha fatto poco per alterare le aspettative che la Fed potrebbe iniziare a ridimensionare lo stimolo entro la fine dell’anno.

Sebbene l’economia abbia aggiunto solo 194.000 posti di lavoro a settembre, le revisioni al rialzo dei dati dei mesi precedenti hanno fatto sì che tutto sommato l’economia abbia ora riguadagnato la metà del deficit di posti di lavoro che ha dovuto affrontare a dicembre, rispetto ai livelli di occupazione pre-pandemia.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato il mese scorso che avrebbe solo bisogno di vedere un rapporto “decente” sull’occupazione negli Stati Uniti di settembre per essere pronto a iniziare a diminuire a novembre.

  1. FMI, riunioni annuali della Banca mondiale

Lunedì inizieranno gli incontri annuali della Banca mondiale e dell’FMI, durante i quali i funzionari discuteranno dell’economia globale, della pandemia di COVID-19 in corso e delle questioni fiscali globali.

Ma l’evento di alto profilo è stato oscurato da uno scandalo di brogli di dati che minaccia la carriera dell’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva.

È stato affermato che Georgieva ha fatto pressioni sul personale della Banca Mondiale per modificare i dati a favore della Cina nel 2017, quando era amministratore delegato della banca.

Le accuse – fortemente smentite da Georgieva – getteranno una nuvola sulle iniziative del fondo per aiutare la ripresa mondiale post-pandemia.

Una decisione sul futuro di Georgieva al FMI non è prevista prima di lunedì.

  1. dati del Regno Unito

Con l’economia del Regno Unito che mostra segni di rallentamento tra l’aumento dei prezzi, le interruzioni della catena di approvvigionamento e la carenza di personale, le imminenti pubblicazioni di dati economici attireranno i riflettori.

Martedì viene pubblicata la variazione del conteggio dei richiedenti per settembre, insieme ai dati sulla disoccupazione e sui salari di agosto . I dati sul PIL di agosto saranno pubblicati mercoledì, insieme ai dati industriali e manifatturieri.

I mercati scommettono che la Banca d’Inghilterra potrebbe diventare la prima grande banca centrale ad aumentare i tassi da quando è scoppiata la pandemia.

Sabato, il funzionario della BoE, Michael Saunders, ha dichiarato in un’intervista al quotidiano Telegraph che le famiglie dovrebbero prepararsi per aumenti “significativamente prima” dei tassi di interesse man mano che la pressione inflazionistica aumenta.

 

Marica Noviello

Altri articoli

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre

Il Brent crolla sotto gli 80 dollari perché gli investitori diffidano della nuova variante, surplus del primo trimestre.
Il Brent è sceso di quasi il 4% a meno di 80 dollari al barile venerdì, quando una nuova variante del COVID-19 ha spaventato gli investitori, aggiungendo alle preoccupazioni che un surplus di offerta globale potrebbe aumentare nel primo trimestre a seguito del rilascio delle riserve di greggio da parte degli Stati Uniti Stati e altri.

Commenti

0 commenti